Contemporanea, Coraggiosa, Sostenibile

Una ventosa sera di Aprile sono rimasta al centro di Piazza della Repubblica, “la piazza dei quattro venti”, per capire se realmente mia nonna, che la chiamava così, aveva ragione.
Il vento mi ha travolto, non mi ha fatto sentire sola e per questo mi sono soffermata a pensare….
In ogni città ci sono tanti venti. Ogni vento porta con sé tante anime, tante situazioni e sentimenti è addosso a noi, ci sfiora e ci trasporta. In silenzio cattura l’energia dai nostri corpi, si appropria delle nostre voci e sensazioni, trascina con sé i flussi di vita quotidiana.

 Il vento muove le parole, e le porta dove devono. Non lascia tranquilli, ma sconvolge, turba e muove. Il vento muove le anime.

Un evento metafisico che attraversa la città, si appropria delle nostre voci e sensazioni arriva a piazza Matteotti carico di energia con una suggestione magica.
Sferzante crea un vortice che solleva parte del terreno della piazza dandole nuova forma.

Abbiamo voluto utilizzare un approccio creativo, poetico secondo noi fondamentale per realizzare una piazza attrattiva, che deve far parlare di se, adatta ed attenta a soddisfare le necessità del centro di Foligno.

masterplan

Noi crediamo che l’architettura deve emozionare, divertire e avere la capacità di raccontare!
La piazza così riconfigurata assume nuova identità, nuova immagine, si propone come nuova realtà polifunzionale della scena urbana, capace di attrarre, grazie alle sue molteplici possibilità di fruizione, persone di tutte le fasce d’età.
Elogio all’integrazione sociale.

Abbiamo voluto offrire una visione, nuova e ribelle!

Il Progetto

La rampa, traccia lasciata dal vento, elemento di collegamento urbanistico tra due livelli di piazza, piano-sequenza spaziale costituito da un percorso lento punteggiato da continue scoperte sul paesaggio urbano ma anche collegamento sociale perchè assume la forma di un abbraccio. Un abbraccio volto verso la popolazione.
vista esterna

Il vento carico di energia, attraverso il suo soffio generatore, crea un vortice che riesce a deformare il terreno creando un elemento emergente, alieno, totalmente dissimile dal contesto, che crea contrasto. È una sorta di  vulcano. La forma non è fine a se stessa ma ha lo scopo di diventare un elemento di uso quotidiano dove ci suo può arrampicare e prendere il sole, sedersi. Inoltre è anche elemento che da luce, connessione visiva tra spazio esterno e spazio seminterrato.
Model

Ex rifugio antischegge
Ci piace mantenere questo nome perché lo spazio da noi progettato sarà un rifugio sociale, il rifugio della creatività aperto a tutti, un ambiente autogestito a disposizione della città dove ci saranno laboratori e sale polifunzionali, spazi espositivi modulabili che permettono di ospitare anche grandi eventi.

Gli orsi, opera di arte contemporanea, stanno proprio a rappresentare la goliardia e la contemporaneità dello spazio.
vista interna

Il progetto vuole far diventare piazza Matteotti un luogo pieno di vitalità vuole creare un’ambientazione vivace dove potranno essere svolti eventi, istallazioni, mercatini esterni ed interni.

Un Luogo della cittadinanza e non solo possa esprimere in piena libertà e sicurezza la propria creatività.
Un Luogo dove si vanno a creare nuove relazioni, per formare una nuova sensibilità civica, fondata sui valori della positività, della creatività, della collaborazione, e dell’integrazione sociale.

Concorso di idee a cura della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno

Menzione speciale “per la vivacità dell’intenzione compositiva”

Progetto di: Francesco Fantauzzi, Chiara Marchionni, Nicola Paggi, Andrea Serena